La nuova frontiera dei martelli demolitori avanza con la tecnologia brushless, fornendo un nuovo prodotto, il martello demolitore brushless, un avanzamento del martello demolitore a bassa dispersione di energia. Prima di capire come scegliere il martello demolitore brushless nello specifico, scopriamo cos’è il martello demolitore.

Martello demolitore: cos’è?

Il martello demolitore è un utensile che racchiude in sé le funzioni di un martello, di un trapano e di uno scalpello messe insieme. Può essere utilizzato per demolire pareti, parti di opere murarie o pareti rocciose pericolanti oppure per rimuovere battiscopa e rivestimenti nel campo edilizio. Esteticamente il martello demolitore è molto simile ad un trapano ma funge da martello e scalpello sotto false spoglie.

Di quali elementi si compone?

Esistono numerosi modelli di martelli demolitori sul mercato, ma tutti presentano la forma di un trapano con un’impugnatura molto più curata ed ergonomica di un semplice trapano. Ciò è motivato dal fatto che le funzioni di un martello demolitore sono particolarmente difficili e necessitano di un cospicuo sforzo fisico, per cui l’impugnatura deve essere quanto più salda e comoda possibile e deve essere in grado di proteggere gli arti dagli effetti della vibrazione del motore.

Il corpo centrale del martello demolitore contiene il motore collegato all’ultimo elemento fondamentale, la punta. La punta è solitamente in acciaio e può essere scelta di diverse dimensioni, oppure sostituita con un vero e proprio scalpello. Il motore è elettrico e funziona con il filo di collegamento alla corrente elettrica oppure a batteria nelle ultime proposte di mercato. L’accensione è molto semplificata: basta attaccare alla corrente il martello demolitore, attivare il comando di accensione attraverso un interruttore a due comandi e regolare la potenza del motore e la velocità con un comando adiacente al primo interruttore.

Motore tradizionale e motore brushless

Il motore elettrico tradizionale funziona attraverso l’attrazione di due magneti di carica opposta, uno dei quali è applicato sul pezzo rotante del motore. La rotazione costante è garantita dall’inversione della corrente dovuta alla presenza di spazzole fisse (brushes) che scorrono sull’indotto del rotore generando un avvolgimento alternato e la rotazione.

Il motore elettrico in un martello demolitore brushless si priva di tali spazzole, riducendo gli attriti e le dispersioni di energia e conseguentemente di calore. Nel nuovo motore brushless i magneti si trovano entrambi sul pezzo rotante e i tre avvolgimenti sono esterni e fissi. Nell’avvolgimento contemporaneo dei tre elementi si crea un campo magnetico che consente la rotazione del rotore e il funzionamento del motore, con una riduzione dell’attrito, della dispersione di calore e con un aumento della durabilità del motore stesso.

Come scegliere il martello demolitore?

Il martello demolitore è uno strumento particolare, le cui funzioni non possono essere svolte con un modello scadente. E’ quindi opportuno sapere che un martello demolitore di medio livello ha un costo abbastanza elevato. Il consiglio è quello di scegliere un martello demolitore dal marchio affidabile e specializzato, come Hitachi, piuttosto che affidarsi a brand più sconosciuti e dai prezzi sospettosamente bassi. In base all’uso che se ne deve fare è bene valutare la potenza massima, la capacità di demolizione, la velocità del motore e l’importantissimo livello di vibrazione. Se possibile, è consigliabile provare l’impugnatura più confortevole in modo da essere sicuri che sia ergonomica e salda alla mano; inoltre è importante verificare la presenza del dispositivo di protezione elettronica contro le sovracorrenti e rivolgersi a modelli di ultima generazione come quello brushless, il cui vantaggio è, oltre alla maggiore durabilità e minore dispersione energetica, quello di sopportare notevoli variazioni di tensione senza inficiare nella performance dell’utensile.